Disfunzione erettile – iniezioni peniene

Andrologia > Disfuzione erettile > Disfunzione erettile – iniezioni peniene

Slide

La durata media del rapporto è di 7 minuti

Slide

Il 30% degli italiani soffre di eiaculazione precoce

Slide

Un uomo su cinque soffre di disfunzione erettile

Storicamente, il primo rimedio farmacologico per la disfunzione erettile consisteva in iniezioni intracavernose (dentro il pene) di papaverina e fenossibenzamina. Oggi si utilizzano diversi farmaci a questo scopo, soprattutto papaverina, fentolamina e alprostadil, da soli o in combinazione.

Come e quando si effettua l’iniezione?

Con ago sottile simile a quello per insulina (è indolore)
Prima del rapporto sessuale (agisce in 5 minuti)

Le iniezioni funzionano senza alcun stimolo sessuale; vuol dire che si avrà un’erezione anche in assenza di stimolo sessuale e la loro percentuale di efficacia è significativamente maggiore di quella degli inibitori della PDE-5.
Molti pazienti comunque ritengono che assumere una pillola sia una soluzione molto più semplice rispetto ad un’iniezione prima del rapporto.

Vantaggi delle iniezioni peniene rispetto agli inibitori della PDE-5

Efficacia significativamente maggiore anche in assenza di stimolazione e desiderio sessuale (fino al 93%)
Azione più veloce
Erezioni più forti e rigide perfino dopo l’eiaculazione (durata di 1-2 ore)
Azione locale, con assenza di effetti collaterali (mal di testa, rossore, sensazione di naso chiuso e dolori alla schiena)

Svantaggi delle iniezioni peniene rispetto agli inibitori della PDE-5

La modalità di somministrazione è meno semplice
Possibilità di sviluppare priapismo (erezione dolorosa e prolungata che dura più di 4 ore) nell’1% dei casi

La tipologia e il dosaggio della terapia iniettiva in grado di dare la massima risposta variano da paziente a paziente e vengono quindi valutate dal medico in maniera personalizzata.

Desideri maggiori informazioni o prenotare una visita presso il nostro centro?

Email
Telefono