Aumenta l’infertilità maschile, cala il numero degli spermatozoi
Aumenta l’infertilità maschile, cala il numero degli spermatozoi
Aprile 24, 2018
Disfunzione erettile, frutti rossi per prevenirla
Disfunzione erettile, frutti rossi per prevenirla
Maggio 1, 2018

Impotenza, lo sai che l’attività fisica può aiutare?

Impotenza, lo sai che l'attività fisica può aiutare?

Praticare esercizio fisico regolare aiuta nel trattamento della disfunzione erettile e dell’impotenza, oltre a migliorare anche il desiderio e il benessere sessuale. Il dottor Andrea Russo, urologo Direttore di CURA – Centro di Urologia Avanzata, con sede a Milano e Saronno, spiega i benefici dell’attività fisica sulla disfunzione erettile.

Uno studio italiano di qualche anno fa, presentato al Congresso nazionale della Società italiana di Andrologia – SIA rilevava che lo sport può aiutare anche nel trattamento della disfunzione erettile, impotenza e calo del desiderio sessuale. «Lo studio – spiega il il dottor Andrea Russo, urologo Direttore del Centro di Urologia Avanzata – prese in esame 60 pazienti affetti da disfunzione erettile, con un’età compresa tra 40 e 60 anni. A questi pazienti venne chiesto di modificare il proprio stile di vita introducendo 3 ore di attività fisica aerobica a settimana, con risultati soddisfacenti dal punto di vista sessuale. Infatti – continua l’esperto – quando la causa di disfunzione erettile è ansia, bassa autostima, stress, l’attività fisica aiuta il trattamento perché, come ormai ampiamente dimostrato, stimola la produzione di neurotrasmettitori, quali la serotonina, che aiutano a sentirsi più felici e rilassati, perfino con una migliore autostima. Spesso – continua lo specialista del Centro di Urologia Avanzata – chi ha problemi di natura psicologica è anche fuori allenamento, aspetto che si può riflettere sulla vita sessuale. Ad esempio possono manifestarsi disturbi come l’impotenza o il calo del desiderio». La Società italiana di Andrologia ha calcolato che basta bruciare 1.500 kilocalorie a settimana per avere ricadute benefiche nei rapporti sessuali. L’importante è che si tratti di attività aerobiche svolte con un’intensità moderata: passeggiare, nuotare, fare jogging, pedalare in bicicletta o sulla cyclette.