Onde d’urto disfunzione erettile opinioni
Settembre 6, 2021
Fimosi non serrata
Settembre 24, 2021

Terapia malattia di La Peyronie o Induratio Penis Plastica

Oggi parleremo dell’argomento: Terapia malattia di La Peyronie o Induratio Penis Plastica, quali terapie sono possibili? Come avremo modo di vedere, essendo una malattia che si sviluppa in due distinte fasi, acuta e cronica; le raccomandazioni terapeutiche dipendono da quanto tempo è passato da quando il paziente ha iniziato ad avere sintomi.

Terapia malattia di La Peyronie o Induratio Penis Plastica? Ne parliamo con il Dottor Andrea Russo.

  • Chi è il Dottor Russo?

Il Dott. Andrea Russo è uno Specialista in Urologia e Andrologo che si dedica ai problemi sessuali maschili. A differenza di altri colleghi lui si occupa specificamente di sessualità maschile. Questo significa che sa metterti a tuo agio e che è in grado di risolvere il tuo problema. Lo dicono più di 400 recensioni positive. Il Dott. Russo esercita la sua professione in qualità di direttore del Centro di Urologia Avanzata a Milano e direttore del Wolf Elvation Training Center Onde d’Urto in Andrologia. Presso i suoi centri si utilizza un approccio terapeutico basato sui più recenti studi clinici, sulle linee guida delle società scientifiche internazionali di medicina sessuale e sull’ampia esperienza clinica del Dottor Russo.

La Peyronie o Induratio Penis Plastica

Differenza tra Andrologo e Urologo

Abbiamo avuto modo di trattare più volte l’argomento Peyronie sul nostro blog, tuttavia la ricerca non si ferma e anche l’esperienza del Dottor Russo; continua a progredire per porre rimedio efficacemente a questo disturbo. Ricordiamo che la malattia di Peyronie o indurimento plastico del pene è una cicatrizzazione fibrosa dell’albuginea (tessuto che ricopre i corpi erettili del pene), generalmente di causa sconosciuta e talvolta può essere la conseguenza di un trauma penieno, talvolta insensibile, avvenuto durante il rapporto sessuale. Spesso i sintomi di questa malattia benigna, che colpisce il 5% degli uomini di età superiore ai 40 anni, non sono evidenti nell’immediato. Questo rappresenta un problema perchè dall’esperienza medica, prima viene diagnosticata, maggiori sono le possibilità di ottenere buoni risultati.

L’importanza di rilevare subito il problema!

Proprio a causa della natura progressiva di questa disfunzione, spesso accade che gli uomini, costretti dal dolore durante le erezioni, interpellino un andrologo o un urologo quando i giochi sono fatti. A questo punto la malattia di La Peyronie è arrivata a causare anche un forte stress, ansia e depressione, legate alla curvatura e al dolore durante il sesso. Oltre ai sintomi fisici evidenti e al dolore, a causa della natura sensibile di questa malattia, molti uomini non parlano della loro condizione con amici, familiari o dottori. Si può intuire che questo atteggiamento non è produttivo, al fine di evitare che un disturbo curabile, possa arrivare a causare una possibile disfunzione erettile (impotenza) o una retrazione delle dimensioni del pene.

Come si cura la malattia di La Peyronie?

Partendo da una diagnosi certa, che può essere riscontrata mediante un semplice esame fisico, si può individuare la presenza di tessuto cicatriziale nel pene e diagnosticare appunto,  la malattia di Peyronie. 

I test per diagnosticare la malattia di Peyronie e capire esattamente cosa sta causando i sintomi potrebbero includere quanto segue:
  • Esame fisico. Il medico sentirà (palpa) il pene quando non è eretto, identificando la posizione e la quantità di tessuto cicatriziale presente. Viene valutata la lunghezza del pene, anche in erezione mediante foto, per determinare il grado di curvatura, la posizione del tessuto cicatriziale o altri dettagli che potrebbero aiutare a identificare il miglior approccio terapeutico.
  • Test vari. In alcuni casi il medico può richiedere un’ecografia o altri test per esaminare il pene quando è eretto. L’ecografia è il test più comunemente usato per le anomalie del pene. I test a ultrasuoni utilizzano le onde sonore per produrre immagini dei tessuti molli. Questi test possono mostrare la presenza di tessuto cicatriziale, flusso sanguigno al pene e qualsiasi altra anomalia.

Terapia malattia di La Peyronie o Induratio Penis Plastica, se volete maggiori informazioni sull’argomento o volete esporre il vostro caso, contattate il Dottor Russo per un consulto al 3343471726!

Quali opzioni di terapia sono disponibili?

Terapia malattia di La Peyronie o Induratio Penis Plastica

Le raccomandazioni terapeutiche per la malattia di Peyronie, dipendono da quanto tempo è passato da quando il paziente ha iniziato ad avere sintomi.

  • Fase acuta. In questa fase il dolore, i cambiamenti nella curvatura, nella lunghezza o una deformità del pene. La fase acuta si verifica all’inizio della malattia e può durare solo da due a quattro settimane, ma a volte dura fino a un anno o più.
  • Fase cronica. In questa fase i sintomi sono stabili e non si verificano i cambiamenti della fase acuta. La fase cronica segue quella acuta e generalmente si verifica da tre a 12 mesi dopo l’inizio dei sintomi.
Per la fase acuta della malattia, i trattamenti vanno da:
  • Consigliato. Il Modellamento meccanico. Se utilizzata all’inizio, la terapia di trazione del pene previene la perdita di lunghezza e riduce al minimo l’entità della curvatura che si verifica.
  • Consigliato. Trattamento con onde d’urto a bassa intensità (ESWT). Una tipologia di trattamento ambulatoriale, studiata per diminuire il dolore e per ridurre la lunghezza della fase attiva della placca. Le onde d’urto a bassa intensità stimolano la crescita di nuovi vasi sanguigni che aumentano il flusso sanguigno portando nella sede della placca una serie di mediatori anti infiammatori che concorrono a ridurre il dolore e la progressione della placca stessa.
  • Opzionale. Le terapie mediche e iniettive sono facoltative in questa fase, alcune sono più efficaci di altre.
  • Non consigliato. La chirurgia non è raccomandata fino a quando la malattia non si stabilizza, per evitare la necessità di ripetere l’intervento.

Per la fase cronica della malattia sono disponibili diversi potenziali trattamenti. Possono essere eseguiti da soli o in combinazione:

  • Vigile attesa.
  • Trattamenti di iniezione.
  • Terapia di trazione.
  • Chirurgia.

I farmaci orali non sono raccomandati nella fase cronica, poiché non si sono dimostrati efficaci in questa fase della malattia; così come la terapia ad onde d’urto, le cellule staminali e il plasma ricco di piastrine.

Conclusione

L’argomento di cui abbiamo parlato in questo articolo: Terapia malattia di La Peyronie o Induratio Penis Plastica è in costante evoluzione. Nuovi studi e ricerche mirano ad individuare la soluzione, per una disfunzione che colpisce il 7-9% circa della popolazione maschile tra i 50 e i 70 anni. Una disfunzione che ricordiamo può provocare: curvatura del pene, erezioni dolorose, deformità, perdita di lunghezza o circonferenza del pene e disfunzione erettile. Il Dottor Russo utilizza un approccio terapeutico basato suoi più recenti studi clinici e sulle linee guida delle società scientifiche internazionali di medicina sessuale.

Richiedi un consulto con il Dr. Russo 3343471726

Lo studio del Dott. Russo si trova in Via Giovanni Battista Pergolesi, 16, 20124 Milano MI.

Seguici anche su Facebook

Email
Telefono