Quando bisogna aspettare per avere rapporti dopo la circoncisione?
Luglio 29, 2022
Disfunzione erettile a 20 anni cosa fare
Agosto 12, 2022

IPP terapia a chi rivolgersi

Induratio Penis Plastica ovvero IPP, potreste anche conoscerla con il nome di malattia di la Peyronie! IPP terapia a chi rivolgersi? In questo approfondimento saprete chi è lo specialista indicato per individuare la terapia migliore per migliorare o risolvere questo problema!

IPP terapia a chi rivolgersi, ne parliamo con L’Urologo Andrologo Andrea Russo!

  • Chi è il Dottor Russo?

Il Dott. Andrea Russo è uno Specialista in Urologia e Andrologo che si dedica ai problemi sessuali maschili. A differenza di altri colleghi lui si occupa specificamente di sessualità maschile. Questo significa che sa metterti a tuo agio e che è in grado di risolvere il tuo problema. Lo dicono più di 450 recensioni positive. Il Dott. Russo esercita la sua professione in qualità di direttore del Centro di Urologia Avanzata a Milano e direttore del Wolf Elvation Training Center Onde d’Urto in Andrologia. Presso i suoi centri si utilizza un approccio terapeutico basato sui più recenti studi clinici, sulle linee guida delle società scientifiche internazionali di medicina sessuale e sull’ampia esperienza clinica del Dottor Russo.

Quale medico cura la malattia di Peyronie

I pazienti con malattia di Peyronie sono curati da un Urologo Andrologo

Quali medici trattano la curvatura del pene

  • Pediatra
  • Urologo
  • Andrologo
  • Venereologo
  • Chirurgo plastico

Quali sono le cause della malattia di Peyronie

Finora, le cause della malattia di Peyronie non sono state completamente comprese e non sono del tutto chiare. Tuttavia, la maggior parte degli esperti aderisce all’ipotesi che questa malattia si sviluppi a seguito di una risposta tissutale all’infiammazione limitata post-traumatica della tunica albuginea del pene. Si presume che, a seguito di microtraumi dell’organo e microemorragia, si verifichi un processo infiammatorio, che provoca la scissione del rivestimento proteico e culmina in cicatrici grossolane.  

Sintomi e quadro clinico della malattia di Peyronie

I primi sintomi della malattia di Peyronie sono il dolore e la curvatura del pene al momento dell’erezione. Successivamente, i pazienti si lamentano dell’impossibilità di rapporti sessuali a causa della deformazione del pene. Dal momento dei cambiamenti primari alla manifestazione pronunciata della malattia di Peyronie, trascorrono circa 6-12 mesi. Molto spesso, il paziente va dal medico con una diminuzione della qualità della vita sessuale. La curvatura del pene durante l’erezione può essere di diverse direzioni: in alto, in basso o di lato. L’angolo di deformità erettile dell’organo raggiunge talvolta valori seri (30-60° o più). In alcuni individui, il dolore si verifica non solo durante l’erezione, ma anche in uno stato di riposo. 

IPP terapia a chi rivolgersi? Chiama e fissa il tuo appuntamento con un esperto riconosciuto, Andrologo e Urologo! Chiama adesso il Dott. Andrea Russo al 3343471726!

Diagnosi della malattia di Peyronie

IPP terapia a chi rivolgersi

La diagnosi della malattia di Peyronie inizia con un’analisi approfondita delle informazioni anamnestiche del paziente. Allo stesso tempo, il medico scopre esattamente quando si sono verificati il ​​dolore e i segni della curvatura del pene, se ci sono difficoltà durante i rapporti sessuali. L’anamnesi riporta le informazioni su precedenti lesioni dell’organo, fattori predisponenti e viene condotto un sondaggio per determinare la qualità della vita sessuale. Per confermare la diagnosi non vengono utilizzati test di laboratorio per la malattia di Peyronie e il ruolo principale è svolto da un esame fisico e studi strumentali.

Metodi diagnostici

Il riconoscimento della malattia viene effettuato utilizzando i seguenti metodi clinici e strumentali:

  • Esame fisico, eseguito esaminando e palpando il pene, valutando le dimensioni e la posizione delle placche, il grado di deformità erettile.
  • Ecografia del pene con dopplergrafia vascolare: la circolazione sanguigna viene studiata in tutto l’organo e nell’area delle foche.
  • TC multistrato, viene valutata la densità dell’area patologica, l’asimmetria dei corpi cavernosi.
  • Risonanza magnetica con contrasto: ricevi immagini stratificate dell’organo, determina l’esatta localizzazione e l’area delle placche, studia l’emodinamica dell’area interessata.

Schemi di trattamento personalizzati

Come trattare la malattia di Peyronie dipende ogni volta dal paziente, l’Urologo decide in base ai risultati della diagnosi, alla gravità dei cambiamenti patologici nel pene, all’età e alle condizioni del corpo del paziente. Per ogni paziente, il trattamento della malattia di Peyronie viene effettuato secondo un programma individuale, tenendo conto dei fattori elencati.

I principali metodi di trattamento e controindicazioni

I seguenti metodi sono usati per trattare la malattia di Peyronie.

  • Terapia medica. Viene utilizzato nel primo periodo della malattia, nella fase infiammatoria attiva, così come nella preparazione preoperatoria o a scopo di prevenzione. Per il trattamento sistemico vengono utilizzati vitamina E, antiossidanti, inibitori della proliferazione dei fibroblasti, inibitori della fosfodiesterasi, antiestrogeni. Quando si prescrivono farmaci, è necessario tenere conto delle controindicazioni individuali.
  • Tecniche terapeutiche non invasive. Il più delle volte usato in combinazione con farmaci per migliorare l’effetto terapeutico e ridurre il dolore. Queste tecniche includono la terapia con onde d’urto, l’elettroforesi, la terapia laser.
  • Intervento chirurgico. È indicato per un lungo decorso della malattia, violazione persistente della disfunzione erettile, inefficacia della terapia conservativa. Il trattamento chirurgico viene effettuato utilizzando tecniche di accorciamento, escissione di placche con innesto o impianto di protesi. Controindicazioni all’intervento chirurgico sono gravi comorbidità, presenza di focolai infettivi e infiammatori nell’area genitale, intolleranza all’anestesia.

La Curvatura del pene

Un tale difetto può essere sia congenito che acquisito. Nel caso di un difetto congenito, la causa è il sottosviluppo dell’albuginea dei corpi cavernosi del pene. Esternamente, ciò si manifesta con il fatto che il pene è piegato nella direzione in cui l’albuginea è più corta. La curvatura acquisita del membro appare per i seguenti motivi:

  • Malattia di Peyronie. Placche specifiche dense nella membrana proteica dei corpi cavernosi del pene.
  • Oleogranuloma del pene, l’introduzione di sostanze estranee sotto la pelle del pene,
  • Conseguenze dell’infiammazione dei corpi cavernosi del pene.
  • Conseguenze di ferite o traumi.

Conclusioni

Abbiamo visto come si risponde alla domanda: IPP terapia a chi rivolgersi? Se vi state accorgendo che qualcosa non và, se provate dolore durante le erezioni, è arrivato il momento di parlare con un Andrologo! Contatta il Dottor Andrea Russo e prenota una visita per discutere i tuoi sintomi. Se non avete alcun riferimento, il Dott. Andrea Russo è sia uno specialista in Urologia e Andrologo e può darvi l’assistenza necessaria per qualsiasi problematica legata alle prestazioni sessuali.

Potete contattarlo telefonicamente al 3343471726 oppure inoltrando una mail a info@cura-avanzata.it. Lo studio del Dott. Russo si trova in Via Giovanni Battista Pergolesi, 16, 20124 Milano MI.

Seguici anche su Facebook

Email
Telefono