Infertilità maschile in aumento. Tra le cause, cattive abitudini e alcuni prodotti
Infertilità maschile in aumento. Tra le cause, cattive abitudini e alcuni prodotti
Aprile 6, 2018
Impotenza, lo sai che l'attività fisica può aiutare?
Impotenza, lo sai che l’attività fisica può aiutare?
Aprile 26, 2018

Aumenta l’infertilità maschile, cala il numero degli spermatozoi

Aumenta l’infertilità maschile, cala il numero degli spermatozoi

Importante quando si parla di infertilità è la concentrazione di spermatozoi. Sembra però che in Occidente gli uomini producano sempre meno spermatozoi. Lo rivela uno studio pubblicato su Human Reproduction Update, da cui emerge che l’infertilità è in aumento. Ne parliamo con il dottor Andrea Russo, urologo Direttore di CURA – Centro di Urologia Avanzata, con sede a Milano e Saronno.

Negli ultimi 40 anni la concentrazione di spermatozoi nei maschi occidentali è calata del 52,4% mentre sfiora il – 60% per la conta spermatica, cioè per il numero di spermatozoi in un campione di liquido seminale. La causa è probabilmente legata anche a fattori ambientali e stili di vita. A rivelare questa tendenza è uno studio della Hebrew University di Gerusalemme (Israele) e dell’Icahn School of Medicine at Mount Sinai di New York (Stati Uniti) pubblicato su Human Reproduction Update.

«Negli uomini occidentali è in aumento la soglia di sub-infertilità o di infertilità – commenta il dottor Andrea Russo, urologo Direttore del Centro di Urologia Avanzata, con sede a Milano e Saronno – Era già nota questa tendenza, peraltro, provata fin dall’inizio del ‘900 con la misurazione del volume dei testicoli. Oggi però, l’infertilità   è stata associata all’influenza dello stile di vita e dell’ambiente sulla concentrazione di spermatozoi».

Agenti inquinanti e fertilità, danni ancora prima della nascita

La ricerca pubblicata è una revisione di 185 studi realizzati a partire dal 1973 al 2011 su circa 43 mila individui, prendendo in considerazione uomini in Europa, America del Nord, Australia e Nuova Zelanda. Nelle popolazioni di America del Sud, Asia e Africa non è stato riferito nessun declino rilevante, ma è anche vero che ancora non sono stati condotti sufficienti lavori di ricerca in merito. «Esiste il sospetto – spiega il dottor Russo – che alcuni inquinanti ambientali influiscano negativamente sugli ormoni maschili, oltre che sulla quantità e qualità degli spermatozoi. Diverse prove scientifiche a supporto sembrano indicare che questi agenti pericolosi comprometterebbero la fertilità degli uomini ancora prima della nascita. Il danno alla linea germinale maschile – conclude il direttore del Centro di Urologia Avanzata –  avviene probabilmente già durante la gravidanza, dove gli inquinanti incidono maggiormente sul futuro sviluppo del bambino».