Studio dottore
Dove fare Frenuloplastica
Agosto 13, 2020
Cura impotenza con onde d’urto
Agosto 28, 2020

Onde d’urto La Peyronie Milano

Se avete digitato onde d’urto La Peyronie Milano, molto probabilmente siete alla ricerca di informazioni su questo tipo di trattamento; per curare la malattia di La Peyronie, in città. In questo articolo ne parleremo, indicando i vantaggi e i risultati che la pratica di questo trattamento sta’ riscontrando. 

Onde d’urto La Peyronie Milano, cosa c’è da sapere a riguardo!

Le onde d’urto non sono certo una novità in campo medico ma lo sono per la cura della Malattia di La Peyronie. Le onde d’urto sono state utilizzate per anni per trattare i calcoli renali e altre patologie come il gomito del tennista o le tendiniti croniche. A partire dal 2010 sono state sperimentate anche per curare i disturbi erettili, perché si è scoperto che avevano un effetto curativo per tali disfunzioni. A oggi i risultati della sperimentazione sono del tutto incoraggianti perché il 70% dei pazienti si dichiara pienamente soddisfatta del trattamento! Questo trattamento, a differenza della “pillola blu” che prevede una programmazione del rapporto sessuale; consente di ringiovanire i tessuti del pene, ristabilendo le normali erezioni.

Una premessa incoraggiante, ma è davvero così?

Sebbene non sia la panacea di tutti i casi di Disfunzione Erettile (DE), la terapia con le onde d’urto a bassa intensità, permette di trattare la maggior parte dei problemi vascolari; alla base della disfunzione erettile. Ora entriamo nel dettaglio per capire nello specifico, la Malattia di La Peyronie che tipo di risposta si ottiene da questo tipo di trattamento.

La Malattia di La Peyronie

Onde d’urto La Peyronie Milano

La malattia di Peyronie si riferisce allo sviluppo di tessuto cicatriziale fibroso, all’interno del pene. Questo accumulo di tessuto cicatriziale porta alla formazione di placche che, accumulandosi e indurendosi, ostacolano la flessibilità; causano dolore e costringono il pene a piegarsi ad arco quando è eretto. Si ritiene che sia il risultato di un micro trauma che coinvolge il pene, causando in particolare la formazione di tessuto cicatriziale nella tunica albuginea che può causare dolore, curvatura anormale, disfunzione erettile.

Chi ne soffre?

Colpisce il 9% degli uomini, di età superiore ai 35 anni ma purtroppo non è sempre facilmente diagnosticabile perché in molti casi è asintomatica. I sintomi e il grado in cui si manifestano i disturbi, dipendono dalle dimensioni, dalla forma e dalla posizione delle placche di tessuto cicatriziale.

Sintomi utili a individuare La Peyronie:

  • Alterazioni morfologiche del pene durante l’erezione (es, si curva quando è eretto).
  • Si verifica un accorciamento del pene.
  • Restringimenti a “clessidra” dell’albero del pene.
  • Grumi nel pene, ovvero presenza di lesioni indurite alla palpazione.
  • Dolore al pene (a riposo o in erezione).
  • Disfunzione erettile.

Complicanze nella diagnosi

Una difficoltà ricorrente in questo disturbo è legata al fatto che sia, per la maggior parte dei casi, asintomatica. Essendo una malattia progressiva con due fasi: Insorgenza (fino a circa 6-12-18-24 mesi) e fase acuta (con una sintomatologia variabile a causa dei mutamenti delle placche); una diagnosi precoce è molto importante! La malattia di La Peyronie è curabile, tuttavia una diagnosi precoce è molto importante perché è più semplice curarla, se si interviene nelle fasi iniziali. Inoltre bisogna considerare che, se trascurata, porta ad accumulare stress, ansia, depressione, limitando l’attività sessuale.

Richiedi un visita con il Dr. Russo 3343471726

Onde d’urto La Peyronie Milano, dove, come e quando eseguire il trattamento

Il Dott. Andrea Russo è uno Specialista in Urologia e Andrologo, Direttore del Centro di Urologia Avanzata e direttore del Wolf Elvation Training Center Onde d’Urto in Andrologia. Presso i suoi centri propone, a seconda dei casi, il trattamento con le Onde d’urto per la malattia di la Peyronie. Il Dottor Russo utilizza un approccio terapeutico basato sui più recenti studi clinici, sulle linee guida delle società scientifiche internazionali di medicina sessuale e sull’ampia esperienza clinica accumulata.

In cosa consiste la terapia con le onde d’urto?

La terapia extracorporea con onde d’urto può essere utile nella gestione della malattia di Peyronie per il dolore al pene refrattario e la riduzione della dimensione della placca. Una recente meta-analisi dimostra un beneficio nella riduzione delle dimensioni della placca e una riduzione statisticamente significativa del dolore al pene, osservata in più studi. Al momento la terapia con le onde d’urto sembra essere una modalità non invasiva sicura ed efficace, nel trattamento della Peyronie e delle sue successive complicanze.

Qual è il principio di funzionamento?

Il meccanismo d’azione biologica delle onde d’urto non è ancora ben chiarito. Si pensa che le cellule del tessuto, interessate dalle onde d’urto, vengono prima compresse per la pressione positiva derivante dall’energia trasportata, e poi si espandano per le intrinseche proprietà di tensione, quasi come un palloncino gonfiato, creando delle microscopiche bolle, che inducono uno stress, una apertura, della membrana delle cellule con rilascio di fattori angiogenetici.

La terapia con onde d’urto a bassa intensità (LI-ESWT) agisce per mezzo di onde acustiche che generano un impulso di pressione e che trasportano energia quando si propagano attraverso un elemento. Quando le onde d’urto vengono applicate ad un organo, le onde focalizzate interagiscono con i tessuti profondi prescelti e agiscono come forze micromeccaniche transitorie che inducono cambiamenti biologici nelle cellule. In pratica si induce, mediante le onde, una risposta pro-infiammatoria nei tessuti, alla quale l’organismo reagisce aumentando la circolazione sanguigna e il metabolismo nell’area d’impatto.

Questi processi determinano un’accelerazione della guarigione, ovvero una neoangiogenesi (la formazione di nuovi vasi sanguigni) nel pene. Questo aumenta l’afflusso di sangue e consente di ottenere erezioni più vigorose; in più la stimolazione induce il rinvigorimento/ringiovanimento della muscolatura liscia del pene.

Come avviene il trattamento

Onde d’urto disfunzione erettile

Queste onde vengono prodotte da un manipolo che viene appoggiato al corpo e possono essere trasmesse in un punto o regione del corpo ben localizzato. L’energia delle onde viene scaricata solo nell’area mirata senza coinvolgere i tessuti vicini. Per dare l’idea del trattamento è molto simile a un’ecografia dove un manipolo di sposta lungo il pene. Il trattamento è ben tollerato, e viene realizzato presso lo studio del medico, senza alcuna preparazione preliminare. La sessione dura 20 minuti, in cui non è necessaria alcuna anestesia.

I vantaggi della terapia a onde d’urto

Il trattamento con le onde d’urto ha una serie di vantaggi:

  • Non è invasivo.
  • Nessun dolore.
  • Non ci sono limiti di età.
  • Controindicazioni generali o locali, inesistenti, salvo evidenti infiammazioni.
  • I benefici sono significativi e visibili nel giro di 4 mesi dal trattamento, possono durare fino a 3 anni.

Risultati

Un crescente numero di evidenze scientifiche dimostra che la terapia con onde d’urto per la malattia di la Peyronie è efficace per la formazione di nuovi vasi sanguigni (neoangiogenesi) e la riparazione del rivestimento dei vasi sanguigni esistenti (l’endotelio.) Altre teorie suggeriscono che potrebbe rompere la placca che blocca il flusso sanguigno in piccoli i vasi sanguigni, oppure possa far migrare le cellule staminali nell’area, creando nuovi vasi sanguigni. 

Conclusioni

Se siete interessati e volete maggiori informazioni sull’argomento onde d’urto La Peyronie Milano, non esitate a contattare il Dottor Russo, presso uno dei suoi centri.

Potete richiedere una visita direttamente al 3343471726.

Seguici anche su Facebook