Cosa comporta la malattia di Peyronie?
Giugno 24, 2022
Il mio ragazzo non mantiene l’erezione
Luglio 8, 2022

Come si cura la malattia di La Peyronie?

Per chi si trova a fare i conti con questo problema, è importante trovare la risposta alla domanda: come si cura la malattia di La Peyronie? Come avremo modo di capire nel prosieguo dell’articolo, la cura o le cure possono essere prescritte, solo dopo una visita dall’Urologo o dall’Andrologo.

Come si cura la malattia di La Peyronie? Lo chiediamo al Dottor Andrea Russo, Urologo e Andrologo.

Chi è il Dottor Russo?Il Dott. Andrea Russo è uno Specialista in Urologia e Andrologo che si dedica ai problemi sessuali maschili. A differenza di altri colleghi lui si occupa specificamente di sessualità maschile. Questo significa che sa metterti a tuo agio e che è in grado di risolvere il problema. Lo dicono più di 450 recensioni positive. Il Dott. Russo esercita la sua professione in qualità di direttore sia del Centro di Urologia Avanzata a Milano che del Wolf Elvation Training Center Onde d’Urto in Andrologia. Presso i suoi centri si utilizza un approccio terapeutico basato sui più recenti studi clinici, sulle linee guida delle società scientifiche internazionali di medicina sessuale e sull’ampia esperienza clinica del Dottor Russo.

La Malattia di La Peyronie

Come si cura la malattia di La Peyronie?

Un segno distintivo del trattamento della malattia di Peyronie è un’attenta consulenza al paziente. I pazienti possono essere riluttanti a discutere i loro sintomi a meno che non venga chiesto direttamente e potrebbero non essere consapevoli dell’esistenza di un trattamento. Non è raro che la malattia di Peyronie venga diagnosticata accidentalmente durante una visita di routine o non correlata al medico, con un tasso di diagnosi accidentale fino al 16%. Le opzioni terapeutiche sono stratificate per fase della malattia, che è determinata dal fatto che i sintomi (p. es., deformità e disagio del pene) stiano cambiando attivamente o si siano stabilizzati. La terapia conservativa è la raccomandazione più comune durante la fase attiva, mentre i trattamenti più invasivi sono riservati alla fase passiva.

Il trattamenti

Il trattamento può essere conservativo o chirurgico. I trattamenti clinici includono farmaci per via orale, iniezioni nella lesione e terapia con onde d’urto. Poiché nessun trattamento è adatto a tutti, è fondamentale fare una diagnosi accurata prima di iniziare il trattamento e prima di iniziare qualsiasi forma di terapia devono essere determinati fattori come la dimensione della placca, la posizione, la stabilità e i cambiamenti ultrastrutturali correlati alla malattia. Nelle prime fasi viene prescritto un trattamento conservativo: inibitori della secrezione del tessuto connettivo, terapia vitaminica, farmaci antinfiammatori. Trattare la malattia di Peyronie senza intervento chirurgico è possibile nella fase di infiammazione attiva. Lo scopo di tale trattamento è alleviare o ridurre il dolore, fermare il processo infiammatorio e fermare la crescita del tessuto fibroso (placche). L’intervento chirurgico è necessario solo quando la vita sessuale è gravemente compromessa o assente a causa del fatto che il pene è storto e non c’è erezione.

Le onde d’urto

Questo trattamento si sta facendo largo con degli ottimi risultati! Attualmente, la terapia con onde d’urto è il metodo moderno più efficace e sicuro per il trattamento della malattia di Peyronie, che prevede l’uso di onde d’urto. Questi ultimi garantiscono la scomparsa delle formazioni fibrose nell’organo, nonché la scomparsa dei principali sintomi della malattia. Dopo poche sessioni di UVT, il dolore scompare, l’erezione è quasi completamente ripristinata e la curvatura del pene scompare o diventa minima.

Nel mio caso, come si cura la malattia di La Peyronie? Fissa un appuntamento con il Dottor Andrea Russo, chiama adesso il 3343471726!

Come viene eseguito l’intervento chirurgico per la malattia di Peyronie?

Più efficace è il trattamento chirurgico ma solo nei casi in cui il trattamento conservativo non sortisce effetti. Quando le placche si calcificano, la loro rimozione è possibile solo chirurgicamente. L’intervento di Peyronie dipende dal grado di curvatura del pene e dal metodo di trattamento scelto. L’intervento chirurgico viene spesso eseguito in anestesia generale e dura circa 2,5-3 ore. Le suture postoperatorie sono realizzate in materiale riassorbibile.

Ci sono 3 opzioni per la chirurgia:
  • La curvatura del pene viene eliminata suturando nella proiezione della placca, mentre la placca stessa non viene rimossa. Questa operazione viene eseguita più spesso, dopo di essa è possibile un leggero accorciamento del pene, poiché il corpo cavernoso si è accorciato.
  • Operazione di innesto. La placca viene completamente asportata, la mancanza di una membrana viene compensata da un cerotto, che è costituito dalla vena del paziente, dalla mucosa buccale o da materiale sintetico.
  • Protesi Penine. Sono indicate per i pazienti che soffrono di gravi alterazioni cicatriziali e disfunzione erettile estrema. In questo caso, un dispositivo speciale viene impiantato nel corpo del pene, controllato da una pompa e provocando un’erezione.

Preparazione per l’operazione

Prima dell’operazione, il paziente viene sottoposto a un esame completo. Esegue esami del sangue e delle urine generali e consulta un medico che effettua un esame, esegue la palpazione, rivela il grado e il tipo di deformazione del pene e determina la tecnica per eseguire l’operazione. Se necessario, vengono nominate consultazioni di specialisti ristretti. Per una diagnosi accurata della localizzazione delle placche e delle loro dimensioni, è possibile eseguire inoltre la dopplergrafia ultrasonica dei vasi, l’ecografia, la TC, la risonanza magnetica

Riabilitazione dopo l’intervento chirurgico

La durata della riabilitazione dipende dalla complessità dell’operazione. Gli interventi chirurgici semplici vengono eseguiti in regime ambulatoriale in anestesia locale. Immediatamente dopo la procedura, il paziente può tornare a casa e riprendersi nelle sue condizioni abituali. Le operazioni complesse vengono eseguite in anestesia generale, che richiede una successiva degenza in ospedale per 2-3 giorni. Durante questo periodo vengono prescritti analgesici. In assenza di complicazioni, il paziente viene dimesso dopo 3 giorni. La durata della riabilitazione può essere di 1-1,5 mesi, l’attività sessuale può iniziare dopo la guarigione delle ferite post operatorie.

Controindicazioni

Le principali controindicazioni al trattamento chirurgico sono:

  • Grave anemia;
  • malattie croniche in stato di scompenso (insufficienza cardiaca e polmonare, cirrosi epatica);
  • esacerbazione di malattie croniche;
  • gravi disturbi psiconeurologici;
  • obesità 4 gradi;
  • diabete mellito non compensato;
  • violazione della circolazione cerebrale;
  • precedente infarto del miocardio (circa 6 mesi fa);
  • malattie infettive gravi recenti (polmonite);
  • neoplasie di qualsiasi localizzazione;
  • malattie purulente-infiammatorie della pelle;
  • trombosi vascolare acuta.

Conclusioni

Se ritieni di avere dei sintomi riconducibili alla Malattia di La Peyronie, contatta il Dottor Andrea Russo e prenota una visita per discutere i tuoi sintomi. Se non avete alcun riferimento, il Dott. Andrea Russo è sia uno specialista in Urologia e Andrologo e può darvi l’assistenza necessaria per qualsiasi problematiche, compreso rispondere nel vostro caso alla domanda: come si cura la malattia di La Peyronie?

Potete contattarlo telefonicamente al 3343471726 oppure inoltrando una mail a info@cura-avanzata.it.

Lo studio del Dott. Russo si trova in Via Giovanni Battista Pergolesi, 16, 20124 Milano MI.

Seguici anche su Facebook

Email
Telefono