Il nostro centro si occupa di

Cistite, cosa provocano le infezioni urinarie negli uomini?

Urologia  > Cistite  > Cistite, cosa provocano le infezioni urinarie negli uomini?
Cistite, cosa provocano le infezioni urinarie negli uomini?

Cistite, cosa provocano le infezioni urinarie negli uomini?

Anche se gli uomini sono meno esposti delle donne al rischio di cistite, superati i 50 anni di età possono presentarsi patologie che ne predispongono l’insorgenza, come l’ipertrofia prostatica benigna e la prostatite. Ne abbiamo parlato con il dottor Andrea Russo, urologo e direttore del Centro di Urologia Avanzata, con sede a Milano e Saronno.

Dopo i 50-60 anni, negli uomini aumenta l’incidenza della cistite, a causa di situazioni che ne possono predisporre l’insorgenza, come problemi ostruttivi e ipertrofia prostatica benigna. Queste due condizioni possono portare a batteriuria, cioè alla presenza di batteri nelle urine, e a sintomi come l’incompleto svuotamento della vescica. «La cistite – spiega il dottor Andrea Russo, urologo e direttore del Centro di Urologia Avanzata, con sede a Milano e Saronno – presenta sintomi quali irregolarità dello svuotamento vescicale, irritazione della vescica, aumentata frequenza della minzione, nicturia, cioè necessità di urinare nelle ore notturne. Possono, inoltre, manifestarsi febbre e dolore lombare. Quest’ultimo sintomo, in particolare, deve essere valutato attentamente poiché potrebbe essere indice di una possibile complicazione della cistite in pielonefrite, ovvero l’infiammazione della pelvi renale e del rene, che richiede l’immediato accesso al Pronto Soccorso».

Cistite, quali esami fare?

Per poter adottare la terapia più efficace, in caso di cistite è necessaria l’ecografia, l’esplorazione rettale e un esame colturale delle urine e dello sperma per scegliere la terapia antibiotica. «La cistite – continua il dottor Andrea Russo – può essere episodica o ricorrente. La presenza sistematica di batteri nelle urine può rendere necessario un intervento disostruttivo che, in caso di grosso residuo urinario e urinocoltura positiva, viene effettuato con il laser prostatico. L’uroflussometria può rivelare se sia presente un’ostruzione e, dunque, se il paziente è predisposto a una futura recidiva».

Infezioni urinarie prima dei 50 anni, un possibile campanello d’allarme

Se si verifica un’infezione del tratto urinario in giovane età, è possibile che si tratti di una prostatite o di un’infezione trasmessa sessualmente. «In questi casi – precisa il direttore del Centro di Urologia Avanzata – sono necessarie indagini approfondite con l’esame delle urine, la spermiocoltura, il test di Stamey e il tampone uretrale. In determinate situazioni, inoltre, può essere utile verificare la presenza di clamidia, trichomonas e micoplasma con altri approfondimenti diagnostici. La presenza di sangue nelle urine è un altro dei possibili sintomi della cistite, ma bisogna escludere la presenza di tumore vescicale. Tuttavia, le infezioni urinarie possono manifestarsi anche con epididimiti, calcolosi urinaria complicata o fimosi serrate del prepuzio. È importante, quindi, rivolgersi a uno specialista quando si verificano i primi disturbi, per poter accertare la presenza di una patologia e, se necessario, intervenire tempestivamente con la terapia più adeguata».

ESEGUI TEST ONLINE