Il nostro centro si occupa di

Trattamento chirurgico per l’incurvamento penieno congenito

Andrologia  > Incurvamenti del pene > Trattamento chirurgico per l’incurvamento penieno congenito

Il trattamento chirurgico è l’unico tipo di intervento che permette di risolvere l’incurvamento penieno congenito. Esistono diverse tecniche chirurgiche, tutte mininvasive e risolutive, spesso realizzate in day surgery.

 

In cosa consiste?

Il trattamento chirurgico del pene curvo consiste in:

  1. raddrizzare il pene e correggere la curvatura
  2. minimizzare la perdita di lunghezza dovuta al raddrizzamento

 

Dopo l’intervento è possibile tornare subito a casa e riprendere le proprie attività quotidiane, evitando attività che richiedono sforzo fisico.

L’intervento chirurgico per l’incurvamento penieno congenito non ha complicanze quali ematomi o riduzione della sensibilità.

 

Tipi di intervento

L’intervento  chirurgico di riferimento per la correzione  della curvatura peniena congenita è la cosiddetta plicatura dell’albuginea.

Il razionale di questa procedura è piuttosto semplice: quasi sempre il motivo principale per cui si sviluppa la curvatura è la presenza di una asimmetria tra i corpi cavernosi per cui quando il pene è in erezione il lato corto si estende meno  rispetto a quello lungo con conseguente curvatura.

Tutte gli interventi di plicatura della albuginea seguono il medesimo principio: il chirurgo lavora sulla parte sana del pene per portarla alla stessa lunghezza della parte colpita dalla malattia, eliminando così la curvatura.

Inoltre sono state proposte altre tecniche chirurgiche come l’incisione con grafting (utilizzata principalmente per trattare i pazienti che soffrono di malattia di La Peyronie), allo scopo di aumentare la lunghezza del lato più corto del pene

ESEGUI TEST ONLINE